Lagàna – greek bread for Ester

Chiudo gli occhi. E quando penso al mio arrivo ad Atene nel 2007 il profumo che mi ricordo è quello del sesamo. Vivevo a Plaka e ad ogni angolo c’era un piccolo fornaio o una bancarella che vendeva pane e koulouri (le ciambelle ricoperte di sesamo). Ero arrivata a metà febbraio ed ora capitata in pieno carnevale. La settimana dopo il mio arrivo tutte le ragazze che abitavano con me corsero al forno a comprare pane. Non capivo cosa ci fosse di speciale e dopo mi dissero che era Lunedì di purificazione (traduzione libera di Katharì deftera), il lunedì che fa iniziare il periodo di Quaresima. No carne, no latticini, sì verdure e legumi e usanza vuole che compri – o si sforni a casa – Lagàna, questo pane piatto, dalla lievitazione velocissima, ricoperto di sesamo.

Corsi anche io quel lunedì di metà febbraio, con un caldo inimmaginabile per il periodo, al forno del quartiere, proprio dove ora trovate il nuovo museo dell’Akropoli. E comprai la mia prima Lagàna. La mangiai così, morso dopo morso, con il sesamo croccante tra i denti e quel sentore di miele. Da allora ho iniziato a farla tutti gli anni ed anche l’anno scorso, al mio primo anno a Milano l’ho preparata impastando e stendendola nella mini cucina.

Un anno dopo, cambia la cucina e la casa ma la voglia di sentire i sapori sono di nuovo qui e domenica sera la preparerò per averla pronta lunedì mattina.

Le dosi sono per 2 lagane, bisogna stenderle bene sopra la teglia e cospargerle di abbondante sesamo. Non abbiate paura con il sesamo! In Grecia non è mai abbastanza, ve ne accorgerete al primo viaggio tra i sapori ellenici.

lagana-sarakosti
http://www.gastronomos.gr

 

Ingredienti (anche in Grecia si usano le tazze come misura):

2 tazze di farina 00

1 tazza di farina gialla

1 bustina lievito secco

4 cucchiai di olio

1 cucchiaino sale

1/2 cucchiaino zucchero

1,5 tazze acqua tiepieda

sesamo abbondante

In una ciotola grande mettete la farina setacciata. Fate una fontana al centro e versatevi l’olio, il lievito, lo zucchero e il sale intorno alla fontana, non mescolandolo subito col lievito per non bloccare la lievitazione.

Aggiungete 1 tazza di acqua tiepida ed impastate con movimenti circolari. Aggiungete anche la restante acqua a seconda della durezza della farina e dell’impasto. Impastate per 10 minuti. Mettete un pò di farina sul fondo della ciotola e lasciate l’impasto a riposare per 30-45′ coperto in un luogo caldo. Riprendete l’impasto lievitato ed ungete la teglia del forno. Stendete l’impasto sopra, sottile (ne serviranno due di teglie) e lasciatelo ancora 10′ a lievitare. Spruzzate un velo di acqua sulla superficie e spolverizzate con abbondante sesamo il vostro pane.

Cuocete in forno prima a 50°C per 10′ e poi a 170 °C finchè non sarà dorato in superficie.

Pronti per impastare lunedì ed iniziare una nuova serie di post sulla Quaresima greca!

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s